INVORIO (NO), 28 marzo 2005



Sessantesimo anniversario della Battaglia di San Marcello
Monumento ai Partigiani



La Battaglia Partigiana di San Marcello è stata raccontata in diversi testi, in particolare in 'Paruzzaro, Storia, Arte, Terra e Società,' 2001, Autori Vari

Noi abbiamo ascoltato direttamente i ricordi di un protagonista di quei giorni del marzo 1945, 'Paulin' Gentina di Paruzzaro.

Paulin ricorda con orgoglio che era 'Staffetta Partigiana'. Alla fine di marzo, sempre secondo il Paulin, nella zona si erano concentrati circa 500 partigiani che dal monte stavano scendendo al piano. I fascisti e ancor più i tedeschi erano bene armati, anche con mezzi blindati. La popolazione aveva paura delle rappresaglie, perché i tedeschi e i fascisti uccidevano 10 persone per ognuno di loro che veniva ucciso.

I partigiani erano attrezzati per la guerriglia, non per la guerra, come invece i tedeschi, che erano molto più armati.

Il 28 marzo 1945, 'Paulin' era a casa sua, nella frazione 'Cascine' di Paruzzaro. Ha sentito delle gran sparatorie.
All'arrivo dei tedeschi e dei fascisti, provenienti da Arona, popolazione e partigiani furono presi dalla paura dei rastrellamenti. Saltò il coordinamento tra le staffette e i comandi partigiani.
La strage poteva essere anche peggiore.

'Paulin' ci ricorda anche che negli anni successivi alla fine della guerra la Commemorazione della Battaglia di San Marcello era gestita direttamente dai Partigiani (alcuni ancora in armi) compreso il controllo del traffico sulle strade.



La lapide del Monumento ai Partigiani
La lapide del Monumento ai Partigiani





Il monumento imbandierato, mentre arrivano i Partigiani
Il monumento imbandierato, mentre arrivano i Partigiani


Il sindaco di Paruzzaro, Ettore Tettoni
Il sindaco di Paruzzaro, Ettore Tettoni


I sindaci con fascia tricolore presenti alla Commemorazione
I sindaci con fascia tricolore presenti alla Commemorazione





Arriva la Filarmonica Invoriese
Arriva la Filarmonica Invoriese


I Bambini della V elementare di Invorio
I Bambini della V elementare di Invorio





La Filarmonica Invoriese intona l'Inno d'Italia
La Filarmonica Invoriese intona l'Inno d'Italia


Il parroco di Invorio durante la celebrazione della Messa
Il parroco di Invorio durante la celebrazione della Messa


La deposizione della Corona a sinistra il Sindaco di Invorio, Silvio Empiri
La deposizione della Corona
a sinistra il Sindaco di Invorio, Silvio Empiri



I Bambini della V elementare di Invorio cantano la canzone partigiana 'Valsesia'
I Bambini della V elementare di Invorio cantano
la canzone partigiana 'Valsesia'






Il Sindaco di Invorio, Silvio Empiri, durante il suo discorso
Il Sindaco di Invorio, Silvio Empiri,
durante il suo discorso



Panoramica dei presenti
Panoramica dei presenti


Nicola, 'Paulin' e altri Partigiani
Nicola, 'Paulin' e altri Partigiani


Beltrami, presidente della 'Casa della Resistenza di Fondotoce', durante il suo discorso
Beltrami, presidente della 'Casa della Resistenza di Fondotoce',
durante il suo discorso



Panoramica dei presenti
Panoramica dei presenti





Torna su

Home Angelo Rizzi

Home Bologna Due